materiali per pavimenti e per rivestire innovativi

Materiali per pavimenti e per rivestire innovativi: Micro Cemento e resine

Casa

Le esigenze tecniche ed estetiche dei rivestimenti interni ed esterni, negli ultimi anni hanno avuto un rapido cambiamento. Dal rivestimento del bagno a quello del top cucina, dal pavimento del soggiorno al pavimento del terrazzo, differenti destinazioni di utilizzo e differenti esigenze da soddisfare. I materiali moderni come il micro cemento e le resine sono sicuramente un importante alleato per riuscire a ottenere caratteristiche capaci di saziare anche le richieste più esigenti.

Materiali per pavimenti e per rivestire innovativi: Micro Cemento e resine

Le pavimentazioni in resina

A prima vista si notano subito per il loro aspetto continuo e senza giunture ma in realtà i pavimenti in resina hanno ben altre caratteristiche da raccontare. Si tratta infatti di superfici altamente personalizzabili nei colori, nella lucentezza e nella matericità, fino ai disegni e questi sono solo alcuni aspetti che riguardano la personalizzazione estetica. Tecnicamente possono essere ad elevata durezza per la massima resistenza all’abrasione o molto morbidi per dare funzione anti-trauma. Antiscivolo, isolanti, impermeabilizzanti, ogni caratteristica è capace di risolvere problematiche di diversa tipologia, come infiltrazioni ai terrazzi, scivolosità negli spogliatoi in palestra, ecc.

Il Micro Cemento, un’alternativa valida alla resina

Di consistenza simile ad una malta resinosa vi sono le pastine cementizie, anch’esse di facile lavorabilità perfette per realizzare pavimenti, rivestimento di pareti bagni e cucina senza piastrelle e arredi di design. L’aspetto caratteristico del cemento naturale spatolato, rende questa soluzione particolarmente adatta a stili industriali, minimalisti e moderni. I pavimenti moderni in micro cemento sono resistenti all’abrasione, agli urti e alle macchie come ci spiega il sito pavimentomoderno.it.
I prodotti per realizzare i pavimenti in microcemento possono essere in versione bicomponente o monocomponente, in ogni caso si tratta di un prodotto applicabile su superfici orizzontali e verticali grazie alla sua consistenza spatolabile e alla sua adesione su tanti materiali diversi.

Il microcemento è un ottimo prodotto per l’ interior design, crea superfici intramontabili e materiche, conosciuto soprattutto per i suoi toni di grigio, in realtà è realizzabile in tanti colori a cartella o addirittura codici NCS.

La differenza tra malta resinosa e micro cemento

Abbiamo descritto le similitudini tra malte resinose e micro cemento, ma quali sono le differenze? sebbene hanno una base simile ovvero fatta di quarzi in forma granulometrica variabile, ciò che fa la differenza è il legante. Nella malta resinosa il legante è a base di resine mentre nel microcemento è a base di cemento e additivi, solitamente polimeri. Tecnicamente la differenza è data dall’assorbimento superficiale del cemento che poi viene annullato dal protettivo finale: una resina trasparente che ha funzione di proteggere dallo sporco, dall’usura e dalle sostanze liquide. Il cemento crea un rivestimento duro, flessibile grazie ai polimeri e additivi ma non elastico come può essere una malta resinosa. Quest’ultima è bene sottolineare che è ben diversa delle resine epossidiche a colata.

La differenza tra malta resinosa e resina epossidica a colata

Anni fa vi era una credenza comune: le resine ingialliscono, fanno effetto plastica, si spellano, si graffiano, creano bolle e tanti altri problemi. Tutte queste problematiche sono nate con le resine epossidiche a colata e sono dovute a materiali non idonei e magari anche posate da operatori poco attenti.
In parte alcuni difetti delle resine epossidiche a colata sono rimasti, l’ingiallimento ad esempio e l’effetto plastica tipico di questa soluzione. Le malte resinose invece non ingialliscono perché prive di resine epossidiche, non creano l’effetto plastica perché si applicano come uno stucco, quindi non sono autolivellanti, nessun rischio di bollicine dovute alla posa con tecnica a colata. Hanno una consistenza facile da lavorare, in genere sono monocomponenti e non necessitano quindi di induritore e procedimenti di preparazione particolari che ridono i tempi disponibili per l’applicazione.

I pavimenti in cemento, diverse tipologie per differenti destinazioni di utilizzo

I pavimenti cementizi hanno molteplici possibilità di impiego, dal negozio al garage, dai grandi centri commerciali al pavimento di casa. Tuttavia vi sono delle differenze di esigenze importanti tra un pavimento di un centro di smistamento e un pavimento in cemento per abitazioni. Per questa ragione viene utilizzato il micro cemento anziché il classico battuto in cemento elicotterato.

Il microcemento crea superfici più resistenti alle microlesioni, è formulato con materie prime selezionate e ad alta resistenza.
Attenzione però ai prodotti di pessima qualità, rispetto ad altre soluzioni è importante puntare sulla qualità dei prodotti. Per “microcemento” vi sono anche formulati di pessima qualità, contenenti cementi a basse prestazioni. Un prodotto di cattiva qualità ne compromette il risultato finale, soprattutto le caratteristiche tecniche e di resistenza nel tempo ma a volte anche l’aspetto estetico.