come seminare il prato

Come seminare il prato

Prato

Molte volte le persone che vogliono o sognano di poter acquistare una casa con giardino indipendente lo fa per usufruire dello spazio all’aperto. Infatti la casa che ha un giardino è uno degli immobili più richiesti e desiderati del mercato immobiliare.

Le ville, le ville bifamiliari, le cascine e gli appartamenti semindipendenti, di solito hanno un affaccio sul giardino e, nelle maggior parte dei casi, si accede all’abitazione passando su di esso tramite un vialetto.

Un prato quindi è l’elemento principale e irrinunciabile che rende valore e accogliente la casa fin dall’esterno, sopratutto quando esso è curato. Avere un bel manto erboso conferisce alla casa un aspetto ordinato, che permette di vivere tutti gli spazi all’aperto.

Tuttavia è anche un grande impegno poichè necessita di una manutenzione costante per tenerlo sempre in ordine ed accogliente.

I requisiti iniziali

Ci sono vari passaggi che devono essere eseguiti per preparare un prato, affinchè il procedimento della semina nel giardino di casa sia corretto. I momenti migliori dell’anno per preparare il terreno sono le stagioni della primavera e dell’autunno.

Va conosciuto il terreno sul quale si procederà alla semina: per essere adatto a questo tipo di operazione deve essere regolare ed in piano. Le temperature devono essere sopra i 10° C, altrimenti il freddo blocca la germinazione.

Il procedimento di preparazione

Dopo aver controllato ed essersi accertati che ci sono i requisiti e le condizioni per eseguire una corretta semina, si comincia col rimuovere le erbacce e le pietre che possono ostacolare le operazioni iniziali.

La terra deve essere morbida e quindi zappata a mano o arata a secondo anche della grandezza del terreno sul quale bisogna coltivare il prato. Il passaggio successivo prevede la rastrellatura di tutto il terreno dove sarà adibito il proprio prato.

Per avere un manto erboso verde e ordinato, il terreno dovrà essere ricco di azoto, potassio e fosforo. Queste sostanze sono importanti per la germinazione del terreno, che deve anche essere ben drenato. Inoltre si possono aggiungere terriccio e torba.

L’inseminatura ed irrigazione

L’inseminatura di un prato di un giardino di casa si può anche fare a mano, camminando e seminando partendo da una direzione e andando verso quella opposta, rilasciando semi in maniere uniforme durante tutta l’area. Se il terreno è molto grande conviene invece utilizzare una seminatrice.

I semi rilasciati devono entrare nel terreno; per eseguire correttamente questa operazione si può usare un rullo che sotterra i semi e nello stesso tempo compatta il terreno.

Successivamente il terreno dovrà essere irrigato, in modo da creare una umidità giusta per la germinazione. Dopo circa dieci giorni il prato comincerà a spuntare e si dovrà continuare a irrigare finchè il prato non arrivi all’altezza tipica per quel tipo di seme, per poi tagliarli di qualche centimetro (sempre a seconda seme utilizzato) per ottenere un’altezza finale omogenea.

I Semi da prato

Ci sono diversi tipi di semi per prato. I più comuni sono la Poa Pratensis, la più resistente alle condizioni atmosferiche, la Iolium e la Festuca Arundinacea, che invece hanno bisogno di un clima più mite.

Per avere un prato di tipo mediterraneo si può prendere i semi Icl Landscaper Pro Performance, che sono resistenti al calpestio e ai cambi di temperatura e hanno un colore verde scuro.

Un prodotto che permette di far tornare verde e sano il prato è il Blumen SOS, seme rigenerante che viene utilizzato a vari tipi di tappeto erboso.

Un altro prodotto adatto è il mix di semi per prato di Blumen che mantiene un prato bello e robusto anche se con poca manutenzione e irrigazioni. Resiste anche alle aggressioni degli infestanti.

Esistono anche semi specifici per prati esposti al sole o in zone ombreggiata. A seconda del seme che si sceglie ci saranno le varie indicazioni corrette per la semina sul prato ed in che stagione eseguirla.

I concimi per il prato

Vanno acquistati i concimi specifici per il prato con nutrienti come il fosforo. Uno importante è il fertilizzante idrosolubile ICL Sportsmaster Wsf High, che è adatto per un prato particolarmente idrosolubile, ricco di potassio. Esso viene utilizzato tra aprile e dicembre.

Un altro prodotto interessante è la tipologia di concime a funzione rinverdente, adatti alla stagione della primavera. Un altro prodotto che si può utilizzare è il fertilizzante per prato a rilascio lento, come l’ICL Landscaper Pro Stress Control.